Servizi / Poliambulatorio / Pneumologia e Medicina del sonno (Prevenzione OSAS)

pneumologia e medicina del sonno (prevenzione OSAS)

Il russamento non è
un semplice difetto da sopportare
ma dev’essere considerato
come una patologia da prevenire e curare

 

Cos’è la RONCOPATIA
È un disturbo respiratorio del sonno caratterizzato da russamento cronico. Può comparire a tutte le età, anche in quella pediatrica, ma è decisamente più frequente in quella avanzata. Il meccanismo del russamento si realizza in gola attraverso una vibrazione anomala dei tessuti, quali il palato molle, l’ugola, la parete faringea e la lingua. Un fattore predisponente è rappresentato dall’obesità; ulteriori cause scatenanti sono rappresentate dalle malocclusioni con presenza di mandibola poco sviluppata e retrusa, oppure dalla diminuzione della dimensione verticale causata dalla perdita di denti posteriori.

Cos’è l’ APNEA NOTTURNA
L’OSAS (Obstructive Sleep Apnea Syndrome) è un quadro patologico caratterizzato dalla presenza di apnee/ipopnee durante il sonno, con frequenza diversa in base allo stadio della malattia. Le apnee ostruttive si accompagnano, in misura variabile, ad una desaturazione di ossigeno nel sangue.

Possibilità TERAPEUTICHE
Per quanto riguarda la terapia delle roncopatie, il più delle volte sovrapponibile a quella della Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno, le cure a disposizione vengono impiegate in base alla stadiazione della malattia. Roncopatie in assenza di apnee possono beneficiare in maniera soddisfacente di un dispositivo odontoiatrico chiamato protusore. Trattasi di un apparecchio ortodontico rimovibile che si indossa durante il sonno. Si possono associare al protusore anche dei dispositivi che inducono una posizione non supina durante il sonno. Intervento chirurgico limitato a casi specifici con dismorfismo anatomico evidente. La terapia più efficace, per i casi di OSAS con apnee gravi, è la CPAP, un dispositivo che immette nelle vie respiratorie aria a pressione positiva, che rappresenta il gold standard della terapia.

In tutti i casi è consigliato il supporto di uno specialista in nutrizione.